CSV Cosenza

Maltrattamenti centro disabili. Il dovere della risposta

“Quanto accaduto nel centro diurno per disabili di Rossano, che ha portato all’apertura di una indagine e all’arresto di tre operatori per presunti maltrattamenti a ragazzi disabili, non può rimanere una questione di interesse solo per le persone direttamente coinvolte”.

È quanto scrive Antonio Gioiello, presidente Mondiversi Onlus secondo cui è emersa una situazione che riguarda tutti, soprattutto operatori ed operatrici del sociale, enti del terzo settore ed amministrazioni comunali.  La questione che questa vicenda solleva, per Gioiello, è il livello di sicurezza dei servizi offerti dal sistema integrato dei servizi sociali del territorio, ciò a prescindere dall’esito giudiziario della vicenda e dalle eventuali responsabilità penali di ognuno degli accusati che rimangono innocenti sino a condanna definitiva.

“Agenzie di informazione locali riferiscono che alcuni imputati avrebbero sostenuto che assumevano determinati comportamenti al fine di contenere gli atteggiamenti talvolta ritenuti ingestibili dei diversamente abili. Se fosse vera questa dichiarazione riportata, ci si dovrebbe chiedere: si considera l’uso della forza, fisica e psicologica (se questo si intende), un metodo di gestione legittimo di un servizio ed un metodo educativo o riabilitativo efficace? E questo metodo è utilizzato anche in altri servizi e strutture? E, quindi, che livello di sicurezza garantiamo ai bambini, ai disabili, agli anziani, alle donne e agli uomini che ospitiamo nei nelle strutture del nostro territorio e della Calabria? E cosa possiamo (dobbiamo) fare per migliorare il nostro sistema ed elevare gli standard di qualità a livelli ottimali? Abbiamo il dovere della risposta, ai ragazzi che hanno subito i maltrattamenti (sui quali sarà la Giustizia a stabilirne la rilevanza penale o meno) e alle loro famiglie, verso i quali va sentita vicinanza”.